Home » Caldaia da esterno: cosa c’è da sapere

Caldaia da esterno: cosa c’è da sapere

Quando ci si appresta all’acquisto della caldaia sono tante le domande che sorgono in merito. Dov’ è meglio collocarla? Qual è l’ambiente più adatto? Meglio all’interno o all’esterno? Queste domande possono sembrare scontate, ma non è assolutamente così.

Iniziamo a fare il punto della situazione!

 

Caldaia all’esterno: quando è possibile

Chi ha la possibilità di usufruire di uno spazio all’esterno della propria abitazione può predisporre un apposito locale per la caldaia all’esterno in modo da ridurre così anche il pericolo di fughe di gas all’interno dell’abitazione.

 

Per poter posizionare la caldaia all’esterno si devono però rispettare alcuni requisiti:

  • il locale caldaia deve essere protetto e adatto a preservare la caldaia dagli eventuali agenti atmosferici. Tale ambiente poi, se chiuso, deve essere munito di porta antincendio;
  • il locale non deve essere a rischio incendio e per questo motivo la caldaia non può essere ad esempio collocata nel garage;
  • non possono poi essere installati canali di fumo, canali di scarico dei fumi o di aspirazione dell’aria comburente;
  • la caldaia prescelta deve poi essere adatta per le particolari condizioni ambientali esterne come il vento, la pioggia o la polvere.

Per qualsiasi altro dubbio in merito potete consultare il sito www.soscaldaiearoma.it.

 

Caldaie da esterno: come sceglierle e caratteristiche necessarie

La caldaia deve essere appositamente omologata per l’esterno e questo fa sì che debba rispondere a vincoli ulteriori rispetto a quelli previsti per la caldaia all’interno. La caldaia all’esterno, infatti, è soggetta ad ulteriori test di verifica soprattutto per essere certi che l’acqua piovana non penetri all’interno e che le componenti elettriche più delicate siano ben isolate senza dispersioni pericolose.

 

Nonostante l’interno sia prevalentemente la scelta che va per la maggiore, sono tanti i modelli di caldaie studiati per l’esterno e dotati degli opportuni accorgimenti. Le caldaie di questo tipo, infatti, sono studiate nel minimo dettaglio e anche tutte le loro componenti sono tali da poter garantire un corretto funzionamento del dispositivo anche quando all’esterno la temperatura raggiunge i -10°C. La parte esterna è poi trattata e verniciata con appositi prodotti resistenti ai principali agenti atmosferici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *