Home » Venditore, più che un mestiere una vocazione

Venditore, più che un mestiere una vocazione

Si può dire benissimo che quello del venditore non è un mestiere ma una “vocazione”. Non ci si improvvisa persone in grado di piazzare merci e prodotti se non si ha il fiuto adatto a capire la gente e l’ambiente. Si fa il venditore perché lo si vuole fare, solo così si riesce. Altrimenti non si raggiungeranno mai buoni risultati. Che sia un agente monomandatario o con più task, che sia agente immobiliare o di cosmetici o di grossi macchinari agricoli, quel che serve è la passione per il commercio. E anche un briciolo di psicologia.

Chi diventa venditore e perché?

Oggi sembra che l’unico lavoro disponibile sia quello del venditore. Gli annunci sono centinaia ma non tutte le persone sono portate a questo tipo di attività. Trovare venditori in gamba non è semplice perché in troppi scelgono di fare gli agenti di vendita solo per ripiego. Ma chi questo lavoro lo sceglie per passione, mostrerà alcune caratteristiche innegabili.

  • Competenza: si vede subito, dal modo in cui l’agente parla del prodotto e come se ne appassiona.
  • Comunicazione: è fondamentale che si ami il confronto, che si sia bravi a parlare e che il cliente veda che ci si sa fare.
  • Onestà: questa è una caratteristica che i veri bravi venditori hanno, ma che spesso viene oscurata da chi invece ama fare il furbo.
  • Reattività e grinta: il venditore è sempre pronto al confronto col cliente, anche via telefono o in momenti poco adatti della giornata.
  • Reputazione: arriva dopo, ma è la prima carta vincente di un bravo venditore. Si costruisce pian piano ma poi spicca su tutto.

Dove si trova un bravo venditore?

Trovare venditori competenti che possiedano tutte queste caratteristiche, come detto, oggi è difficile. Questo lavoro è visto come ripiego occasionale da molte persone e non tutti sanno svolgerlo con cura e passione. Nelle agenzie di solito ci si deve fidare di quel che dicono i gestori, ma oggi esiste anche internet e i siti appositi su cui “studiare” i curricula dei venditori iscritti.

Consultare i siti permette di valutare con calma la persona, le sue esperienze, le valutazioni e soprattutto i suoi successi. Un venditore che rende sicuramente ispira molta più fiducia. Ma a volte si può scegliere anche un venditore alle prime armi perché manifesta più grinta e voglia di farsi notare. In entrambi i casi, la scelta via internet aiuta il cliente a pensare con pacatezza a una scelta che farà la differenza per un affare.

Anche le aziende o le imprese che cercano venditori competenti per i propri prodotti possono affidarsi a questi siti. Con lo stesso criterio faranno una selezione prima di un qualsiasi colloquio conoscitivo, accorciando i tempi della ricerca. Per i venditori veri, appassionati, una vetrina online non sarà che un ulteriore trampolino di lancio verso una più vasta scelta di clienti. Un’azione stimolante per rendere ancora più affascinante il lavoro dei loro sogni. E che renderà più proficua una vendita per chi assume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *