Home » Trasloco economico: cosa sapere per organizzarlo al meglio

Trasloco economico: cosa sapere per organizzarlo al meglio

Spostarsi da una casa all’altra o – peggio – da un ufficio, un locale commerciale all’altro può essere impegnativo e non solo in termini di tempo e fatica, ma anche e soprattutto in termini economici. Le spese durante un trasloco possono essere, infatti, sostanziose: si potrebbe dover spostare le utenze, per esempio, o chiedere l’aiuto di un professionista di trasporti soprattutto nel caso in cui si abbiano molti mobili e poco tempo per dedicarsi in prima persona a spostarli da un luogo all’altro, senza contare che la voce di spesa più grossa potrebbe essere rappresentata da eventuali canoni d’affitto e contratti da stipulare. Quelli che seguono sono, allora, alcuni consigli pratici per un trasloco economico.

Dalla preparazione di pacchi e valigie alla scelta della ditta: una guida al trasloco economico

A partire da non farsi trovare impreparati: spesso ciò che fa impennare davvero i costi di un trasloco sono, infatti, gli imprevisti. Si potrebbe dover ricorre, per esempio, alla sistemazione provvisoria in un b&b o simili se non si sono fatti bene i conti e ci si sia trovati a lasciare la vecchia casa prima che i lavori nella nuova fossero terminati ed è solo una delle numerose condizioni che possono rendere davvero dispendioso il trasloco. La parola d’ordine è, così, organizzazione.

Sotto tutti i punti di vista: più con criterio si saranno organizzati, infatti, anche i propri pacchi e le proprie valigie e più si eviteranno altri spiacevoli incidenti come oggetti che vanno perduti o risultano danneggiati e inutilizzabili, incidenti che se non fanno aumentare il prezzo del trasloco in sé certamente implicano nuove spese una volta arrivati a destinazione. Anche come si preparano nella pratica pacchi, pacchetti e scatoloni ha importanza insomma nell’ottica di un trasloco economico: la prima regola d’oro è riempire prima valigie, trolley, borsoni, zaini che si dovrebbero spostare ugualmente dalla vecchia sistemazione alla nuova, anche se fossero vuoti. In commercio si trovano, poi, scatole e imballaggi pensati appositamente per spostare oggetti di varia natura: sono rinforzati, hanno manici che ne rendono più agevole lo spostamento, spesso sono dotati di particolari etichette per catalogare ciò che contengono o di imbottiture e scompartimenti che evitano danni agli oggetti. Chi voglia evitare ogni spesa non indispensabile, però, potrebbe benissimo ricrearli da sé, chiedendo al supermercato di fiducia degli scatoloni inutilizzati e armandosi di forbici e pluriball.

Si potrebbe pensare, infine, che trasloco economico e trasloco con ditta di traslochi non possano in alcun modo essere sinonimi. La buona notizia è in questo senso che di ditte di traslochi a Roma e nella maggior parte di altre città italiane ne esistono numerose, ciascuna con un proprio catalogo di servizi e con listini differenti e in non pochi casi molto vantaggiosi. Chiedere un preventivo in anticipo e senza impegno è sempre un’ottima soluzione per evitare brutte sorprese al momento del conto, ma per abbattere leggermente i costi si potrebbe considerare fin da subito che ci sono fasce orarie, giornate della settimana o alcune particolari condizioni che rendono più economico anche il trasloco con ditta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *