Sviluppare app iOS e Android in software house

Chi si occupa dello sviluppo delle applicazioni iOS e Android? Solitamente questo tipo di lavoro viene svolto da un pool di programmatori e tecnici professionisti raggruppati all’interno dello cosiddette ‘Software House’. Per ‘Software House’ si intende per definizione una ‘casa di sviluppo’ di software ed applicazioni. In parole povere, questa tipologia di web agency opera nel campo dell’ICT, ed è un’azienda che offre ai clienti (che possono essere privati o altre aziende) un servizio di progettazione e realizzazione di prodotti destinati alla fruizione attraverso i mezzi digitali, si rivolge a professionisti con una lunga specializzazione (cerco sviluppatore Android). Facendo un esempio ancora più chiaro, la software house – grazie al lavoro dei suoi programmatori, tecnici, grafici, e creativi – può realizzare prodotti come videogiochi, programmi di grafica, sistemi operativi, piattaforme, programmi di videoscrittura, sistemi per la progettazione, software gestionali e naturalmente applicazioni.

All’interno di questo mondo fatto di software e codici, esistono quindi software house specializzate nella realizzazione di ogni tipo di esigenza merceologica. Nel caso dello sviluppo applicazioni iOS e Android, il discorso si fa ancora più specifico, in quanto si tratta di due sistemi operativi sostanzialmente molto diversi fra loro che quindi presuppongono degli esperti programmatori che conoscano non solo il linguaggio, ma anche le dinamiche di testing e i parametri grafici di ognuno di essi. Se ad esempio si dovrà sviluppare un’app in iOS, si prevederanno dei prezzi leggermente maggiori rispetto ad Android, in quanto iOS presuppone una programmazione su macchine e attrezzature che siano esclusivamente Apple che, com’è risaputo, hanno dei costi superiori. Al contrario, la fase di test delle applicazioni sviluppate in Android risulteranno molto più realistiche rispetto ad iOS, perché sfruttano un emulatore che simula virtualmente una macchina vera e propria (con tanto di CPU dedicata).

Per contro, il test di una app iOS è molto più rapida, perché il tipo di linguaggio risulta più snello (ma queste applicazioni devono essere comunque testate possibilmente su un dispositivo mobile, così da comprenderne il grado di realisticità). Chi si chiede come creare una app per Android prenda in considerazione anche il fattore grafico: nelle software house che si occupano di sviluppo applicazioni iOS e Android, conoscono bene gli standard imposti da uno e dall’altro. Si tratta di standard grafici e di design dai quali non ci si può discostare molto e che bisogna assolutamente rispettare se si vuole rilasciare una app competitiva sul mercato.

 

CONDIVIDI