Cantieri a cielo aperto: mai più!

Oggi, per fortuna, si vedono sempre meno cantieri a cielo aperto che invece una volta erano dappertutto in città. Qualcuno si è mai chiesto come mai? La differenza rispetto al passato è legata a nuove tecniche per le costruzioni stradali e sotto il manto stradale. Vediamo di che si tratta per capire meglio la scomparsa dei cantieri stradali.

Oggi esiste un sistema molto più valido per lavorare sotto al manto stradale rispetto al passato. Quando si dovevano fare dei lavori, come all’impianto fognario o anche elettrico che corre sotto la strada, si faceva un cantiere che ogni settimana si spostava per avere accesso alla parte successiva del tracciato. Oggi è raro vedere un cantiere di questo per diverse ragioni. I cantieri cosiddetti a cielo aperto sono molto scomodi soprattutto perché intralciano per mesi la circolazione stradale. In grandi città, ma anche in quelle minori, i cantieri sono il vero incubo dei guidatori dato che aumentano le code ed è necessario spesso prendere percorsi alternativi che fano sempre fare tardi. Inoltre, il manto stradale veniva continuamente rotto e poi rifatto rendono la strada un patchwork di pezzi di asfalto posati in momenti diversi in seguito ai lavori stradali.

Oggi per le costruzioni stradali di qualsiasi tipo, si utilizza un nuovo sistema che ha avuto il vantaggio di ridurre al massimo i cantieri a cielo aperto. Oggi si fa un cantiere all’inizio e una alla fine senza dover bucare e rompere tutto il manto stradale. Per poter lavorare e raggiungere i punti che servono si procede in orizzontale da un buco all’altro senza dover perciò fare operazioni in verticale. In tale maniera si hanno tanti benefici, tra cui ridurre i disagi alla circolazione stradale. Inoltre, la maggior parte del manto stradale resta intatto senza il rischio che in futuro si creino buche, pozzanghere profonde, infiltrazioni, crepe, voragini etc. Questo sistema è molto vantaggioso anche perché si risparmia un sacco di tempo evitando i lavori di demolizione e di successivo rifacimento della strada.

Per info e / o prenotazioni: www.costruzioni-stradali.it

CONDIVIDI